lunedì 11 novembre 2013

Nothing happens by accident..




Prologue:
This post was wrote on 11/07/2013 ....
I think that today 11/11/2013.. is the right day to publish it.
Thanks to Donna ( @girltrueheart ) for translation and friendship support.


I begin with this belief: Nothing happens by accident.

Even if it seems there is no logical thread, well, if you look closely enough, you will find the thread. Based on this belief, I will share MY concert experience in Rome, at Capannelle Hippodrome on July 11, 2013.
I have seen many Springsteen concerts (not too many, not so often), and usually right after, I uttered the fateful words: "This show was the most beautiful of all."
I must say I was wrong from time to time. In my heart I knew that it was not "the most..." but I had to find a justification, a reason, not to fall into depression because I was afraid to feel "Oh no...I'm not as excited as I used to be." In the end, that is my (and maybe our) fear: There will come a day when, for whatever reason, I will no longer feel that excitement.
When this happens in life, it is like you find yourself in a movie scene where the character is completely surrounded by an emptiness, a white or black void. Without visual cues, touch, smells, tastes, sounds...no senses, nothing. And you feel lost and you think, "Now what? What do I do now?"
I carried this fear at the beginning of this tour. After reading some reviews, I didn't know what to do or what not to do. Should I be like one of my friends who refuses to read anything, including setlists of course, up to the first concert I attend, so as not to be influenced?
Everything and anything was written about Padua and Milan and more and more.
Padua was good for me, but not a show for me to return home ride high on a flying carpet. Milan is close, 2nd or 3rd with Rome, although maybe it was because I had more beer. Milan was pure joy, pure adrenaline; Milan was "out of competition."

"A prodigy in a position for three hours of heavy conduction to the point of departure, the primordial push that too often we are committed to bury under tons of useless things: to be human." (Dario Costa for Barracuda Tour)
Then comes Rome, a month and a week later, and yes, you expect something "as good as" but nothing can compare to what it really was.

I arrived in Rome while recovering from one of those days that you just mark on your calendar as a really bad day, and just like in Milan, I wanted to forget the agony. I tried to forget the pain with 9 medium beers, but they did not have an effect.
The dear friends, the beer, the carbonara, the laughter, the bracelets, the legality issues, and all the rest of it. We spent almost all day together just to talk, drink and eat a full galley kitchen of food left by the "Taliban Patrol" in the lottery queue in the early hours of the morning.

In the afternoon, a little bird's song signals to me that it is safe, reliable, to check online for some news. I do not believe it but, what the fuck, I go on Twitter. I see that Nils said "we are preparing a surprise for ROMA, will be an epic show."
Eh... a little thought in my mind: "I begin to believe it...but no...it isn't true." I am afraid to hope.

Now at the concert, we're on Clarence's side, sheltered, but great location. I can see the band more or less from that position (left or right sides), there is space to spare, a chance to dance, sing, go and get yet another beer without any worries. I feel I already know the line-up.

This particular show starts and we understand immediately that this will not be a concert like most others. (Which, by the way, is another fucking sentence that we always say and cannot possibly always mean.)

Everything begins smoothly enough: Roulette, Lucky Town (with an insane solo at the end).

The KITTY's marathon show to the various polemical trombones (And there are those who say that Bruce is finished with the Steel Mill!) that the band ..is always and remain the best R&R band all over the world!!

Then Incident
then Rosie...
then...

Flashback to 26 June--1 July 2000. Flashback to MSG NYC.

My discovery of Bruce was still new. Once I heard the last track of Springsteen's second album, I was so taken by it that I listened to it on a constant loop.
It was the only other song that stood out for me besides the Winx, Zecchino, Gormiti and cartoons soongs in general.
New York City Serenade was the only song that in these last 13 years always found a place within me.
Always
Yet here at the end, it is just a song and nothing more, a song written 40 years ago, give or take a month.
How many stories there have been!
A few notes and a few words put there to make a common cause amongst us all.

But then came the violins and I see the past 13 years of MY life...one by one.
They flow by while he's singing.
Pass one after the other and marked by many moments and many concerts, each of which could have been the right one to remember ........while he's singing.
The memories fluctuate and materialize in my head....how many times I have sung, hinted at, longed for, all............ while he is singing.
I will melt ...........while he's singing.

All around me, approximately 30,000 people have expressions that Dr. Lightman (LIE TO ME tv series) might go crazy.

I see them at times. A flood is sweeping through me for 8 minutes (Can you feel the spirit?), but only until the last spectacular, simple, 45 seconds. When there remains only the violins and that little piano riff that repeats ad libitum three notes.
Sounds like the three whistles of a referee at the and of a game.

The end.

Game over.
Nothing ever happens by accident.
For me, that's enough.
Hard times come, hard times go.

giovedì 25 luglio 2013

Bruce Springsteen Secret Garden Leeds 24 07 13






"Secret Garden"


She'll let you in her house
If you come knockin' late at night
She'll let you in her mouth
If the words you say are right
If you pay the price
She'll let you deep inside
But there's a secret garden she hides
She'll let you in her car
To go drivin' 'round
She'll let you into the parts of herself
That'll bring you down
She'll let you in her heart
If you got a hammer and a vise
But into her secret garden, don't think twice

You've gone a million miles
How far'd you get
To that place where you can't remember
And you can't forget

She'll lead you down a path
There'll be tenderness in the air
She'll let you come just far enough
So you know she's really there
Then she'll look at you and smile
And her eyes will say
She's got a secret garden
Where everything you want
Where everything you need
Will always stay
A million miles away

giovedì 4 luglio 2013

The National: oltre la semplice musica


40 giorni fa nemmeno sapevo chi fossero.
Poi una sera mentre scanalavo (termine che mi piace di più di fare zapping) prima di coricarmi..atterro sul David Letterman Show; in quel momento stava presentando questa band....The National in promozione con il nuovo album Trouble With Me.





30 secondi sono bastati per ..come si dice tra noi fuckinduehard J..essere Accecati Dalla Luce.
E così 24 ore dopo avevo già scaricato il loro ultimo lavoro…che, se possibile, mi ha stregato ancor più di quei 30 secondi di cui prima.
Ieri, 01/07/2013, all’ Ippodromo del Galoppo di Milano ero al loro concerto; confesso..temevo una delusione.

E invece devo dire di aver assistito a uno spettacolo di grandissima qualità.

Un suono avvolgente che, e questo è dimostrazione di classe talento e bravura, riproduce perfettamente le atmosfere che sul disco fanno viaggiare con testa e cuore ad ogni canzone.

Concerto senza sbavature che ha alternato momenti molto intimi ad altri tirati
No so se saranno il futuro del rock and roll, come mi ha suggerito di aprire il fidato Giamma, ma di sicuro sono una band che trasmette qualcosa che va oltre la semplice musica.
E questo, per me è l’essenza di tutto; non sono le 3..4 note messe bene in fila che mi fanno piaere o meno una canzone, una band, un genere..
Ma cosa queste 4 note trasmettono e come, chi le interpreta, le fa sue.

Miei highlights : Runaway, About today e Humiliation

E ora..visto che la vita riserve sempre sorprese e nuove strade da intraprendere..magari una capatina a Parigi a novembre si potrebbe fare…

Alessandro Necchi

http://www.barracudashoes.it/it/blogdetail?id=689


giovedì 13 giugno 2013

Esiste solo una cosa ......

Esiste solo una cosa al mondo meglio di un concerto di Bruce Springsteen. E' andarci portando con te qualcuno che non è mai passato da una esperienza del genere. 
O meglio qualcuno che NON ci è ancora passato, perchè chiunque sulla faccia della terra abbia un cuore ed un cervello collegati tra loro vive nell'attesa consapevole o meno di assistere a qualcosa del genere. 
Qualcosa che trascende la musica, un rituale che ormai da tempo immemore si ripete quasi sempre uguale a se stesso eppure sempre più travolgente. 
Una liturgia pagana che origina dalle canzoni, dal sudore, da migliaia di mani aperte verso il cielo per condurre chiunque sia in ascolto oltre le miserie, oltre le amarezze, oltre l'insopportabile idiozia della vita quotidiana. 
Un ritmo, una scossa che spezza le catene e trasporta dritti dritti in un cosmo di terre promesse, corse nella notte, fratellanza, delusioni, rivincite, emancipazione, sogni e speranze. Un prodigio in grado per tre ore abbondanti di rincondurre chiunque al punto di partenza, quella spinta primordiale che troppo spesso ci impegnamo a seppellire sotto un'infinità di cose inutili: essere umani.

di Dario Costa
http://www.barracudashoes.it/it/blogdetail?id=540



martedì 28 maggio 2013

Dal Ns. Inviato a Monaco Mr. Fausto Casadei...




Eccomi qua tornato sano e salvo dal week end bavarese.

Piccolo preambolo:

A novembre presi 2 biglietti del Front of stage per Monaco quasi per rabbia, esattamente il giorno dopo essere uscito di casa. In seguito ho chiesto a qualcuno di venire ma chi per un motivo chi per un altro tutti hanno rifiutato.


In ogni caso l'idea di partire da solo mi piaceva e l'avevo messa in conto da subito. Poi negli ultimi giorni mi sono sentito via FB con un ragazzo di Dublino e due ragazze di Madrid conosciute a Stoccolma amici peraltro di Necchi e Ghiglione (POC). Intuita brillantemente la mia precisione teutonica si sono accodati al sottoscritto nella scelta dell'albergo, scelta strategicamente ottima... chevvooodicoaffa'.

Partenza venerdì tardo pomeriggio e dall'aeroporto vado subito allo stadio a segnarmi sulla lista del pit.
All'Olympiahalle era in corso il concerto di Zucchero ma per il resto non c'era anima viva... in più freddo della madonna (5 gradi alle 21 contro i 20 di Roma alle 4 di pomeriggio) incontro due tizi che parlavano tra di loro e come da prassi gli chiedo schiusmiforlissoffspristi?
Questi mi guardano come se fossi un alieno... e mi rispondono: the concert is on Sunday!

ok non c'entrate e non capite un cazzo quindi continuo il mio giro intorno allo stadio ormai certo di essere violentato e ucciso (visto che lo stadio è nel mezzo del parco) quando finalmente trovo il tizio con la lista... vabbè nr. 96 non male speravo meglio ma accontentiamoci.

Raggiungo finalmente così John Marta e Maguela all'hotel dove mi stavano aspettando per cenare insieme alla coppia di finlandesi amici loro Markku e Nina.




Visti gli appelli molto agevoli (solo 3 al giorno e l'ultimo alle 18) abbiamo la possibilità di girare la città che peraltro conosco molto bene visto che questa è la 4a volta che vado.

Il sabato mattina dopo il primo appello, facciamo colazione in Marienplatz, in pratica un pranzo di nozze e per me e per il mio stomaco, che sono abituato a bere un caffe e una spremuta e al massimo mangiare una fetta biscottata con la marmellata, è stato davvero deleterio. Poi vedere il finlandese bere nell'ordine cappuccino spremuta d'arancia e birra nel giro di mezz'ora m'ha cappottato lo stomaco ziocane.

In più, mentre camminavamo, ogni tanto sorseggiava dalla sua tanichetta stile sanbernardo lo Jagermeister. La sera dopo due birre ha bevuto caffe corretto col whisky, uno jagermeister e tornati all'albergo, prima di andare a letto, un bicchiere di rum.

ziofegatospappolato, Nesu a questo gli fa una sega!

Primo pomeriggio passeggiata e poi un paio di birre all'Hard Rock Cafè dove incontriamo Thomas e i ragazzi belgi. Dopo l'ultimo appello della giornata alle 18 torniamo in centro dove mangiamo in una classica birreria bavarese già stracolma di tifosi più o meno tutti ubriachi e molesti ma giustamente eccitati (evvedimpo') per la finale di scempionz. Alla mezz'ora del primo tempo decidiamo di uscire anche perché da dove eravamo seduti non riuscivamo a vedere la partita e decidiamo di fare un salto all'hotel di brus (haivistomaidecidessediarrivaredurantelapartita) ovviamente manco peggnente quindi finito di vedere il primo tempo al bar del Bayerischer Hof ce ne torniamo in albergo dove finiamo di vedere la partita e poi a nanna visto che le due notti precedenti avevo dormito pochissimo.

Domenica mattina alle 8 siamo di nuovo allo stadio per l'appello e già piove anche se non forte ma freddo della madonna poi solita ricca colazione, riposino, valigia e check out. Purtroppo non sono così attrezzato per il freddo e così il massimo che posso fare è indossare due t-shirt, la felpa e il giacchetto antipioggia di Decathlon ma inadeguati ai 5 gradi. Alle 12 torniamo allo stadio e da quel momento non ci muoviamo più. Verso le 14 comincia a piovere in maniera insistente anche se lontano dai livelli di firenze dello scorso anno ma visto che siamo senza riparo alcuno, man mano il freddo si fa sempre più insopportabile.

Alle 15.30 ci danno i braccialetti e un'ora dopo siamo dentro.

Mentre scendevamo le scale per entrare nel pit dal lato sinistro, rigorosamente camminando, studio la situazione e vedo che da questo lato la transenna è già tutta presa fino alla prima pedana di sinistra, così decido di fare il giro e esattamente al centro tra le due pedane vedo degli spazi vuoti occupati con degli zaini. Nel giro di un millisecondo valuto la cosa e noto che le tre persone che si sono messe così larghe sono Carla (la tizia del nord est che ha visto più di 300 concerti e due suoi amici. Al che mi parte subito l'embolo e seppur in maniera garbata gli dico che non me ne fotte un cazzo dei loro amici che sono in lista dietro di me e che si stringessero pure verso il centro e mi lasciassero uno spazio e vaffanculo. Subito dopo vedo che il tizio a destra di Carla è il mio coinquilino dublinese John che così si sposta verso di lei e mi fa mettere in transenna. Il tizio che era accanto a lui era sdraiato per terra... l'ho guardato ma era evidente che non gliene fottesse un cazzo così mi sono ritrovato in transenna di fronte a Garry senza colpo ferire. Gran botta di culo e peraltro immeritata ma grazie agli italianikazino!

Le due ore successive sono state le più lunghe che io ricordi... pioggia insistente ma soprattutto un freddo della madonna. Per fortuna Bruce, con appena 15 min di ritardo sull'orario del biglietto, alle 19.15 in punto esce fuori da solo con la chitarra acustica suonando le note di who'll stop the rain. E cazzo quando te lo ritrovi davanti è sempre un'emozione unica, parliamo di quei due secondi che passano dal momento che vedi il suo faccione sorridente spuntarti davanti, ma sono di un'intensità indescrivibile, penso che donne ed omosessuali come il sottoscritto possano capirmi. Poi fa qualche metro in avanti, mette la testa fuori dalla copertura del palco, allarga le braccia, sente l'intensità della pioggia e fa una faccia come per dire oh cazzo volete non è mica colpa mia se Bucconi ha guardato le previsioni del tempo. Poi Long walk home e My Love davvero intense e tirate, poi dopo Out in the street va a prendere il primo cartello (questa volta double-face) davvero ben fatto e spara di seguito Seaside bar song e Rosalita.


Ok affanculo... il freddo e la pioggia sono ormai un ricordo lontano. Poi dopo il trittico Wrecking ball, Death e Spirit (durante la prima indica il mio cartello con Lost in the flood e sorride compiaciuto, o almeno mi piace pensarla così, sicuramente dentro di se avrà pensato: Ho capito, l'ho visto il cartello, hai rotto il cazzo - non la suono!) parte con tutto Born in the USA. Beh che dire, non sarà il mio album preferito, ma è anche e soprattutto grazie a quel disco se oggi sono qui, e risentirlo tutto di seguito dopo una vita è davvero cosa buona e giusta. E poi No surrender e soprattutto Downbound train chevvelodicoaffa'... quel I had something goin' mister in this world che è un pugno allo stomaco... vabbe 'na lacrimuccia è scappata.

Una bellissima versione di my hometown con Bruce che tiene in mano una tazza con qualcosa di caldo dentro per scaldare le sue dita congelate. Il concerto continua con Sunny day, Rising e Badlands a chiudere il main set.

I bis continuano con una festosa versione di Pay me my money down con tutto il pubblico a cantare il ritornello, l'immancabile Born to run, Tenth e poi la bellissima Rockin all over the world che personalmente non ascoltavo dal tour coi pellegrini. A chiudere Twist and shout.

Il concerto è stato uno dei meno lunghi di questo tour ma uno dei più intensi e soprattutto divertenti tra quelli che ho visto.

Anche Stevie, che a Stoccolma sembrava gli girassero come non mai, ha partecipato molto attivamente nonostante qualche problema con gli strumenti e il fatto che stesse evidentemente patendo il freddo più degli altri.

Tornati all'albergo finalmente mi cambio i vestiti bagnati ma non le scarpe perché "giustamente" non ne avevo un secondo paio, poi ceniamo lì tutti insieme e rimaniamo fino a quasi le 3 di notte. Gli altri vanno a dormire e io prendo un taxi per l'aeroporto dove crollo esausto giusto un'oretta su una sedia davvero "comodissima".

Ieri l'ho davvero scontata di brutto ma tutto passa in secondo piano quando ti senti appagato dentro e felice per quello a cui hai assistito poche ore prima.

E credo che alla fine la grandezza di Bruce e della sua musica sia proprio questo: il fatto che dopo tutti questi anni ogni volta riesca ancora a stupirmi e ad emozionarmi come la prima volta e finché sarà così non potrò smettere di andare a un suo concerto.



Fausto Casadei 2013